Biblioteca "Ettore Borghi" – ISTORECO

Home » I nostri libri del venerdì » Il nostro libro del venerdì #31

Il nostro libro del venerdì #31

«Coloro che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo». È certamente stato questo, uno degli adagi più famosi del filosofo George Santayana, a guidare l’autore nel redigere questa «guida».

Alle spalle della linea gotica. Storie, luoghi, musei di guerra e Resistenza in Emilia-Romagna“, di Claudio Silingardi, è un lavoro, com’è diligentemente spiegato nella prima parte del libro dedicata alla contestualizzazione storica, che intende spingersi oltre rispetto alle raccolte, ampiamente circolanti nel territorio emiliano-romagnolo, a uso prettamente turistico dedicate ai «luoghi della memoria» della Seconda guerra mondiale e della Resistenza.

0.44275700 1290005533

FAI CLICK SULLA COPERTINA PER CERCARLO NEL CATALOGO!

Un baedeker della geografia memoriale dell’Emilia-Romagna, dunque, che della «guida turistica» ha mantenuto la carta lucida, l’impostazione grafica, l’abbondante utilizzo delle fotografie, l’ausilio di strumenti come le cartine. Ma che si è posto l’obiettivo – e ci pare lo abbia conseguito – di interpretare il «luogo» nei suoi aspetti spaziali e temporali come la chiave plastica per una comprensione più compiuta dei processi e dei soggetti che hanno contraddistinto la guerra guerreggiata e il conflitto civile «al di qua» della linea Gotica.

Gothic_Line_-_Concept_of_OperationOlive_1944

LA LINEA GOTICA

In questa prospettiva, pertanto, vanno ricomprese le parti dedicate alle vicende dell’internamento e della deportazione che si soffermano sui luoghi della persecuzione antiebraica (Bologna, Modena e Reggio Emilia) e quelle dedicate ai musei ebraici di Bologna, Soragna e Ferrara. Così come quelle che si interessano al museo del combattente di Modena, al campo di polizia e di transito di Fossoli e all’esperienza di Villa Emma. Va da sé che le parti più estese del volume sono quelle dedicate alla violenza fascista e nazista (Ferrara, Monte Sole), ai rastrellamenti nelle province di Parma e Piacenza, a Bologna – non a caso definita «una città in guerra» –, al museo consacrato alla famiglia Cervi di Gattatico e alla Repubblica di Montefiorino. Un’attenzione particolare, poi, è stata dedicata alla ricostruzione degli itinerari dei sentieri partigiani sugli appennini e nelle zone lagunari. Un’utile cronologia e una breve bibliografia ragionata concludono il lavoro di Silingardi.

Un libro, quindi, che approfittando della decennale consuetudine dell’autore con le tematiche specifiche rappresenta un imprescindibile strumento per ricostruire con dovizia di particolari non solo le vicende belliche e civili degli anni resistenziali ma che, allo stesso tempo, permette una rilettura dei processi socio-culturali che in Emilia-Romagna più che in altre regioni hanno fondato e via via rielaborato il rapporto fra territorio e memoria, fra luogo e identità, fra storia e comunità.

Marzia Maccaferri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SEGUI ISTORECO SUI SOCIAL

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: