Biblioteca "Ettore Borghi" – ISTORECO

Home » Posts tagged 'Anni Settanta'

Tag Archives: Anni Settanta

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 998 follower

Il nostro libro del martedì #30

«Un libro voluto dalle donne, che parla di donne e raccontato da donne»: così può essere sintetizzata questa esperienza di ricostruzione storica dell’attività del «movimento delle donne» negli anni Settanta a Reggio Emilia. Già questa soluzione definitoria individua il limite dell’opera “Creatrici di Storia. Il movimento delle donne reggiane degli anni Settanta nel ricordo di alcune protagoniste” di Anna Appari ed Elisabetta Salvini: espressione di singole, seppur qualificate, voci, ma non dell’intera realtà interessata; megafono di proposte genere nell’azione e nelle interpretazioni memoriali di alcune protagoniste. Di questo limite si avverte costantemente la presenza, rivelato dall’uso prevalente dell’io narrante, quasi che la Storia della collettività locale e nazionale fosse racchiusa nell’esperienza di ogni persona. È pur vero che sull’attività del femminismo (termine abusato per indicare una partizione di genere, non certo parità e uguaglianza dei sessi) non esistono molti documenti, e le fonti sono soprattutto orali. Tanto che Nadia Caiti s’era dedicata a intervistare persone che avevano partecipato alle vicende politiche degli anni Settanta, e più in generale al dopoguerra reggiano. Supplendo così a scarsità di fonti e lottando contro lo svanire – anche per motivi anagrafici – dei ricordi. Di questo va dato merito a Nadia Caiti, come ha fatto Elisabetta Salvini e come risulta da altre «storie» che in questi anni si sono avvalse della sua opera di raccolta e catalogazione.

9788868740238_0_0_1487_80

FAI CLICK SULLA COPERTINA PER CERCARE IL LIBRO NEL NOSTRO CATALOGO!

Meritoria è anche l’azione di supporto che il Comune di Reggio Emilia ha fornito, unitamente alla Fondazione «Manodori», per la pubblicazione del volume. Sarebbe opportuno che tali attenzioni fossero spese con maggior ampiezza, secondo un piano preordinato di valorizzazione e di divulgazione di opere dedicate al territorio e ai suoi figli migliori. Ma questo è un tema che meriterebbe altre trattazioni, involgendo temi e modi d’approccio che paiono non essere nel DNA della gestione della cosa pubblica, quindi di tutti i cittadini.

Due, in sostanza, sono i contributi su cui si basa la ricerca: quello di Elisabetta Salvini che affronta il difficile rapporto con l’UDI e il PCI: fu scelta una strada «assolutamente intimistica e il più lontano possibile dalle istituzioni politiche che, al contrario, vennero rinnegate e duramente criticate»; l’altro di Anna Appari che incentra la sua attenzione sulla nascita e sul funzionamento dei consultori femminili.
Il contributo di Elisabetta Salvini, invero, è il più consistente, quanto a entità e a temi affrontati: essa infatti descrive l’approdo e il consolidarsi di iniziative femministe a Reggio Emilia, attraverso i collettivi, l’autocoscienza e l’autodeterminazione. Ma, recuperando i materiali di Nadia Caiti, effettua anche una panoramica coinvolgente sulla
partecipazione delle donne all’attività sindacale, attraverso i coordinamenti intercategoriali.
Ed offre alle protagoniste citate una meritata ribalta, inducendo a riflettere sulla consistenza di un fenomeno di cui, oggi, si è forse persa coscienza. Il volume, che reca la presentazione di Natalia Maramotti, propone un’intrigante prefazione di Daniela Brancati la quale, dopo aver descritto la sua partecipazione ai movimenti femministi, riconoscendone limiti ed errori, consegna alle nuove generazioni la convinzione di aver fatto qualcosa per cui valeva la pena di vivere. Ed offre una giustificazione a chi crede che i ricordi sovvertano la storia, «raccontandone una più vera e più palpitante».
Il volume riporta anche le immagini di una manifestazione pubblica che il 13 aprile 1976 le donne dell’UDI e dei collettivi femministi organizzarono per contrastare l’approvazione di una legge che prevedeva ancora l’aborto come reato. Laura Artioli offre, inoltre, una riflessione avvincente sul suo coinvolgimento nella breve stagione del femminismo e sulla scarsa considerazione che pare caratterizzare la presenza delle donne nella conclamata conquista di pari opportunità nella politica. Ingenuo e acerbo l’impianto grafico del volume.

Carlo Pellacani

I nostri libri del venerdì #6

Continuiamo la rubrica dei nostri consigli letterari raccontandovi l’America di qualche decennio fa.

 

 

Foto Cover di Caucasia, Libro di Danzy Senna, edito da Dalai Editore

FAI CLIC SULLA COPERTINA PER CERCARLO IN BIBLIOTECA!

 

Gli anni ’70 che corrono sulle strade d’America: on the road, on the road again, come scrivevano i beatnik.

Prima della strada c’è una casa, piena di idee che si sfrangeranno nel tempo di un istante, una casa di cui nessuno ha cura, piena di libri e di fumo, di misteri che tanto misteriosi non sono, abitata da una coppia mista; lei bianca wasp (acronimo dell’espressione White Anglo-Saxon Protestant (“bianco di origine anglosassone e di religione protestante”), che rinnega le sue origini, trasandata, grassa (e questo particolare avrà una sua importanza nel corso della vicenda), lui nero, docente universitario, assente dalla famiglia, vicino al movimento dei Black Panther. tra loro le due figlie, Birdie chiara di pelle, capelli lisci e Cole nera, capelli ricci: tutti stentano a riconoscerle come sorelle.

Tra le due ragazze che assistono al disfacimento non solo della loro famiglia ma anche delle ideologie di quegli anni, esiste una grande complicità, un enorme affetto. Parlano, da piccole in una lingua inventata da loro, si proteggono dalle ferite che il mondo degli adulti può provocare rifugiandosi nei sogni sotto una coperta sempre corta e lercia che le protegge di notte.

Poi, l’inevitabile.

I genitori si separano, malamente, con rancore, anche le figlie vengono separate, Cole , la nera col padre e la nuova compagna di lui si trasferiranno in Brasile, Birdie e la madre, convinta di essere ricercata dall’FBI per il suo passato politico, partiranno sulla strada del nulla, su quelle strade blu che segnano l’America meno conosciuta, e cambieranno vite e identità vivendo di espedienti.

Risultati immagini per america on the road

La protagonista, Birdie, alla fine riuscirà da donna adulta, a ricucire qualche filo di questa frastagliata vicenda, ma gli anni, i sogni e il tempo hanno bruciato come soda caustica la pelle e i sogni di più di una generazione.

 

Lo consigliamo perché…

Per curiosità, per vedere come era l’America vera e non quella del sogno americano che tanti di noi si sono portati dentro per anni.

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: