Biblioteca "Ettore Borghi" – ISTORECO

Home » Posts tagged 'giorno della memoria'

Tag Archives: giorno della memoria

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 998 follower

Giorno della Memoria 2017: gli ebrei reggiani in RS-Ricerche Storiche

Le storie di uomini e donne di origini ebraiche vissuti a Campagnola Emilia e Guastalla raccontate sulle pagine di “RS” da Angiolino Catellani

«Gentile e cara signora Ferrari … ricordo come oggi Campagnola, dove ho frequentato la scuola elementare, e dove, in quegli anni tremendi, noi abbiamo avuto la fortuna di aver trovato tante persone buone come Lei, che ci hanno accolto e che ci hanno protetto nonostante i rischi che molti sapevano di correre».

giorgio-finzi

Sono le parole che Furio Finzi scrisse, nel 1999, a Maria Teresa Ferrari, insegnante in pensione, ma cinquant’anni prima custode delle identità segrete della famiglia Marchi, alias Finzi, di origine triestina, ospitata in casa sua per sfuggire alle persecuzioni antiebraiche del regime nazifascista.

A raccontarci questa storia di solidarietà – sulle pagine di “RS-Ricerche Storiche”, la rivista del nostro Istituto – è un attento narratore “delle pianure”: Angiolino Catellani.

La vicenda umana della famiglia Finzi è a lieto fine, a differenza della tragica fine dell’ingegnere guastallese Mario Levi e dei suoi cari «sommersi» ad Auschwitz, la cui immatricolazione nel Lager nazista «è dubbia, risulta deceduto in luogo ignoto in data ignota; Alba Sofia Ravenna [la moglie] fu immediatamente uccisa a Birkenau, nella camera a gas, il 23 ottobre 1943; Giorgio Levi, matricola numero 158574, è segnalato come scomparso in luogo ignoto dopo il 29 dicembre 1943».

La storia del campagnolese Francesco Tirelli, Giusto fra le Nazioni, invece, ridà fiducia nella solidarietà fra gli uomini. Inzia così la narrazione di Catellani: «Nel 2001 una cittadina statunitense, la docente universitaria Chana Hedwig Heilbrun, israelita di origine cecoslovacca, interpellò il ministero degli Esteri italiano per avere notizie su un certo Francesco Tirelli che durante l’ultimo conflitto mondiale, in Ungheria, l’aveva salvata dalla Shoah…».

francesco-tirelli

Infine, vogliamo ricordare in questo Giorno della Memoria un altro ebreo guastallese: Mario Carrara, che si laureò in medicina e chirurgia a Bologna, dove fu prima allievo e poi assistente di Augusto Murri e del fisiologo Pietro Albertoni. Ormai affermato professore universitario, aderì «alla protesta crociana del 1925 e ricusò il giuramento universitario del 1931, dichiarando al Rettore, lo storico del diritto Silvio Pivano, di non intendere assolutamente sottostare ad obblighi di mero scopo politico».

Il suo NO al fascismo fu confermato in una lettera del 15 dicembre 1931 al ministro dell’Educazione nazionale Balbino Giuliano. A Mario Carrara è intitolato l’«IPS» di Guastalla.

Tutte i numeri di RS-Ricerche Storiche sono consultabili gratuitamente all’interno della biblioteca.

RS-RICERCHE STORICHE, BIBLIOGRAFIA

CATELLANI ANGIOLINO, Giorgio Finzi. Un Ebreo triestino-campagnolese nella temperie dell’ultimo conflitto mondiale, 2009/n. 107/pag. 129

–, Giorgio Finzi, Kaddish per zia Clotilde, 2009/n. 108/pag. 161

, L’ingegnere guastallese Mario Levi e i suoi cari «sommersi» ad Auschwitz. 2014/n. 117/pag. 171

–, Lezioni di libertà: A Mario Carrara intitolato l’«IPS» di Guastalla, 2012/n. 114/pag. 158

–, Il campagnolese Francesco Tirelli Giusto fra le Nazioni, n. 118/2014

Per saperne di più, passa in Biblioteca!

Il nostro libro del venerdì #8

Articolato in quindici paragrafi tematici (da I termini della vicenda a Il lascito, passando per Le vittime, Il contenuto e Le reazioni) e completato da un’ampia appendice, questo testo è una vera e propria guida alla conoscenza e alla consapevolezza di una delle pagine più tristi della storia della penisola.

978880618057gra

FAI CLICK SULLA COPERTINA PER CERCARLO NEL NOSTRO CATALOGO

“Le leggi antiebraiche spiegate agli italiani di oggi”, di Michele Sarfatti, Einaudi, è destinato innanzitutto al mondo della scuola e a coloro che desiderano un’illustrazione sintetica, ma pur sempre seria e scientificamente adeguata, di uno dei passaggi più cruciali del Novecento italiano, il volume contiene alcuni brani (ad esempio quelli sulla cessazione della vicenda storico-nazionale italiana nel 1938, sulle cause di politica interna della persecuzione, sulla sua caratterizzazione “biologica” prima che “spirituale”) che offriranno anche agli studiosi elementi per riaccendere il mai sopito dibattito su fascismo e storia d’Italia e su fascismo e nazismo.

rivista-la-difesa-della-razza

Lo consigliamo perché…

In vista del “Giorno della memoria”, esattamente tra una settimana, questo libro risulta importante perché ci ricorda che l’antisemitismo non fu solo una questione “tedesca” o “nazista”, ma divenne uno dei fondamenti della dittatura fascista anche qui in Italia.

Non dimentichiamoci che più di un campo di prigionia e un campo di sterminio trovarono sede in Italia: particolarmente dolorosa è la risiera di San Sabba a Trieste come lager della morte. Tutto incomincio con le leggi razziali di cui Sarfatti parla: raccontare di questo ai ragazzi è di vitale importanza per evitare il ripetersi di esperienze tragiche come la persecuzione di milioni di persone per questione di razza o ideologia.

Per saperne di più, passa in Biblioteca!

Conosci già questo libro e vuoi dirci cosa ne pensi? Lascia un tuo commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: